Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2011

C’erano una volta due cuori felici della nascita della loro bambina, felici di un evento che consacrava il loro amore. Non si erano scelti per gioco o per calcolo, ma per un sentimento sincero che riempiva il cuore di entrambi. Un giorno nacque una bambina stupenda, felice perché sapeva di essere in una famiglia unita, che avrebbe saputo proteggerla ed amarla.
La morale della storia è: la vita può essere dura, difficile, ma un evento così speciale come la nascita di un figlio può portare una forza immensa, unendo ancor di più due cuori innamorati. L’importante è non dimenticare mai che donare la vita coincide con il rispetto della vita stessa. a.c.a.

Read Full Post »

C’era una volta…e c’è ancora, un momento in cui nascevano Piccoli Fiori, neonati felici di far parte di questo mondo, perché nati da famiglie oneste, premurose, attente alle  necessità e formazione. Le famiglie di questi piccoli ogni giorno facevano sacrifici immensi, cercando con quel poco di essere contenti, trasmettendo sani esempi ai figli, crescendoli con umiltà e valori condivisi.
La morale della storia è: auguro ai bambini del mondo un mare di felicità, e ai genitori di sapere affrontare ogni momento della vita…anche i più difficili, con grande serenità d’animo e soprattutto forza. Un educazione sana verso i propri figli, sarà per sempre il miglior modo di farli diventare: uomini e donne speciali. a.c.a.

Read Full Post »

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Read Full Post »

C’era una volta una ragazza semplice che era alla ricerca di verità. Sapeva che il senso della vita era quello di goderne ogni attimo, apprezzando il significato oltre le apparenze. La ragazza sapeva osservare intorno a sé apprezzando ogni più piccolo gesto rivolto al prossimo, in un mondo in cui sembrava dilagare l’indifferenza. Un giorno dopo tanti anni di attesa, finalmente incontrò un uomo che la fece sorridere, la strinse a sé con tutto l’amore che aveva dentro, dimostrandole la sua sincerità. La ragazza sapeva che quell’uomo condivideva con lei un passato fatto di mille battaglie, per questo guardandosi negli occhi e abbracciandosi teneramente, capirono che finalmente la lunga attesa era finita, e finalmente i loro cuori si aprirono per vivere l’immenso positivamente.
La morale della storia è: auguro a tutte le donne del mondo di trovare un uomo degno dei loro sogni, che sia davvero un compagno ideale con cui formare una squadra sincera…preludio di una famiglia felice. a.c.a.

Read Full Post »

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Read Full Post »

C’era una volta, e ci sono davvero,  bravissimi professionisti e volontari che operano nel mondo della natura, rispettandola e proteggendola. Ogni giorno fanno da sentinelle per salvaguardare i tesori della nostra terra, segnalando soprusi e atti di vandalismo.
La morale della storia è:questa mia opera e’ dedicata a tutti coloro che ogni giorno si impegnano per proteggere boschi, laghi, fiumi, mari, rischiando la vita per spegnere incendi, o per evitare che atti vandalici possano compromettere il nostro patrimonio ambientale. Grazie immensamente per ciò che fate. Con stima e rispetto. a.c.a.

Read Full Post »

C’era una volta un conte di nome W. che aveva una splendida famiglia.  Un giorno a causa della guerra mondiale, la villa di famiglia venne bombardata, e W. perse i genitori tanto amati insieme alla casa in cui era nato, gli oggetti, i ricordi della  fanciullezza. Ancora bambino il conte W, rimasto orfano di padre e di madre si mise a fare da papà al  fratello; senza un soldo e senza radici cominciò di buona lena a vendere i biglietti della lotteria per sfamare se stesso e il fratellino. W. cominciò a fare da autista per il Villaggio del Fanciullo, le Suore del Corpus Domini, Padre Marella,  si diede da fare aiutando gli altri senza mai abbandonare la speranza di un futuro più sereno. Così un bel giorno riuscì a prendere la licenza come autista  riconquistando lentamente con enormi sacrifici, il proprio avvenire e quello della famiglia.
Quest’opera è dedicata al conte W. mio padre che ora mi guarda dal cielo, ma  ringrazierò per sempre di avermi insegnato che la nobiltà sta dentro noi; che con fede, speranza, buona volontà, si possono superare sfide più impossibili ricostruendo dal nulla qualcosa di onesto, una vita perbene. Per me, rimarrai per sempre quel Padre Nobile che sei stato. Grazie per i valori che mi hai insegnato, e ogni giorno applico nella vita e nel lavoro. t.a. per sempre, tua figlia a.c.a.

Read Full Post »